Attualità. Il dramma senza fine dei migranti e il silenzio assordante dell’Europa

migranti

di Gaetano Càfici. Continua inarrestabile, nell’indifferenza di un’Europa vergognosamente silenziosa, l’onda di morte dei tantissimi migranti che cercano un approdo di vita sulle coste della nostra isola. A loro si uniscono come figure apparentemente “salvifiche” quei “mercanti di morte”, che altro non sono se non dei veri e propri “Caronte”, pagati per trasportare queste anime disperate e corrieri di vere e proprie organizzazioni criminali.

Intanto, da sempre, assistiamo alla passerella dei grandi governanti, che da Bruxelles tracciano, come professori d’eccellenza, le linee guida per un’Europa “che deve essere capace di dare slancio alle economie degli stati membri”. Le solite parole in libertà, che ritornano utili per fare demagogia, ma che di fatto non servono a nulla.

Per il resto non mi è sembrato di ascoltare riferimenti alla questione sbarchi! In fondo la cara Merkel, essendo geograficamente lontana da quei luoghi, che forse visita soltanto quando è in vacanza, non ha alcuna intenzione ad affrontare un tema così politicamente poco conveniente. Immaginate un centro di “accoglienza” a Berlino come quello di Lampedusa! Sarebbe troppo condividere questo dramma?

E poi con un governo debole come il nostro, assolutamente genuflesso alla Germania, anche eventuali provocazioni, che non ho né visto né sentito, sarebbero soltanto una cartina di tornasole. La sensibilità di questi pseudo leader è oserei direi algebrica. Le parole di Renzi, che chiede la convocazione del Consiglio europeo, sono assolutamente inique. Talvolta servono i fatti. Gli statisti sono tali per il coraggio delle scelte e, al di là dell’evento in sé, quello della crisi di Sigonella (Craxi docet!) diede dell’Italia un’immagine di un Paese con la schiena dritta! Ma allora esisteva la politica. Oggi vediamo soltanto un presidente del Consiglio che va in America a fare “jogging”.

Ma ritornando a cose serie, non possiamo non ricordare il grido di dolore lanciato dal Papa a Lampedusa, un anno fa, che rimase inascoltato. Parole dure le sue: “immigrati morti in mare, da quelle barche che, invece di essere una via di speranza, sono state una via di morte. Risvegliamo le nostre coscienze, perché ciò che è accaduto non si ripeta, non si ripeta per favore”. E invece si è ripetuto! Oggi è ritornato a parlare, manifestando il proprio dolore: “loro cercavano solo la felicità”.

Se, dunque, non si è capaci di ascoltare il Capo della chiesa, come si può pensare di fare dell’Europa un luogo di accoglienza, al di là delle carte geografiche?
Siamo condannati ad assistere a quello che, inevitabilmente, diventerà un “letto di morte” senza fine, mentre l’Europa, ribadisco, rimarrà indifferente e vergognosamente silenziosa.

Author: Gaetano Càfici

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code