“La bocciatura a scrutinio segreto di tutto l’articolo di legge che riguardava la presenza di genere negli organi di governo è un fatto grave, confermato proprio dalla modalità di voto, un codardo escamotage di chi non ha il coraggio di assumersi pubblicamente la responsabilità delle proprie scelte”.

E’ la deputata regionale Marianna Caronia a lanciare strali contro l’Aula di Sala d’Ercole che ha bocciato stasera, a maggioranza, la norma che prevedeva una rappresentanza di genere minima negli organi di governo.

“C’è chi pensa, ma non ha il coraggio di dire pubblicamente, che le donne in politica devono avere una posizione residuale e soprattutto non devono sedere nei luoghi di governo”.
“Questa è una battaglia di civiltà che non può certamente fermarsi e per questo presenterò una proposta di legge di iniziativa popolare per inserire la doppia preferenza di genere anche per l’elezione dell’Ars e la quota minima del 40 per cento della presenza di genere nelle giunte comunali e in quella regionale”.

Avatar
Author