Category

Punti di vista

Category

Un messaggio ad effetto che, il comico Beppe Grillo, inventore insieme a Casaleggio del M5S, sa fare bene, tra sberleffo e offesa finale. Dal suo blog è diventata virale la ricetta, chiamata a 5 stelle, che ha proposto in un video, aprendo una scatoletta di tonno e descrivendo le varie fase di preparazione del piatto: “tonno con schiacciatina”.

E’ fin troppo chiaro il punto di approdo di Grillo, cioè quello di difendere il movimento cinquestelle dagli ultimi attacchi: dall’Unione europea che teme un governo populista e contro l’euro, al il Financial Times che ha parlato dell’asse Salvini- Di Maio come dei moderni barbari. 

Quindi  il riferimento alla scatoletta di tonno non è fatta a caso. Se vi ricordate furono proprio i grillini a dichiarare che avrebbero aperto il Parlamento, appena eletti, proprio come una scatoletta di tonno. E ancora più esplicito quando alla fine della ricetta dice: “Ci avete rotto il cazzo”. Nomi non ne fa, ma quello che si può intendere è il palpabile nervosismo per l’ipotetico governo tra Salvini e Di Maio che stenta a prendere il volo.

“Io vedo che i due leader in questo momento preparano le cannonate, ma non hanno più alibi. Altro che temi, non si mettono d’accordo su premier e poltrone. Uno convoca i gazebo e l’altro il voto online: magari con l’obiettivo reciproco di bocciarsi a vicenda i propri punti. I militanti leghisti voteranno sì ai punti della Lega e no a quelli dei cinquestelle e viceversa”.

Un Davide Faraone, leader siciliano del Pd e renziano di ferro che, nel corso del programma “Coffee break” su La7, sulla possibilità che Salvini e Di Maio diano vita ad un governo dà una risposta lapidaria: “Vedo questo governo sempre più lontano”.

“Ci avevano spiegato che il problema era prima Berlusconi, poi  il Pd, e infine Mattarella. Ma solo loro due non riescono a trovare un accordo e ci tengono bloccati senza alcuna soluzione”.

Un siparietto nel talk-show di Giovanni Floris, Dimartedì su LA7, tra Marco Travaglio, direttore de Il Fatto quotidiano e Alessandro Sallusti direttore de Il Giornale. Lo scontro tra i due giornalisti, con relativa botta e risposta sulla vicenda che riguarda la cosiddetta “riabilitazione” di Silvio Berlusconi.

“Era un delinquente e un delinquente rimane” , dice Travaglio. “Vorrei fare un inciso per diritto di replica” gli risponde Sallusti: “Travaglio era è rimane invece un diffamatore essendo stato condannato per diffamazione”. 

“L’Italia è sul punto di installare il governo più non convenzionale e senza esperienza per governare una democrazia occidentale europea dal Trattato fondatore dell’Ue di Roma del 1957. La sua capitale di fatto apre le porte ai moderni barbari dove le proposte economiche del Movimento 5 stelle e della Lega sono una ragione di preoccupazione”. È quanto scrive il prestigioso giornale economico Financial Times.

Il giudizio è davvero impietoso. Di fatto il giornale inglese paragona l’asse Salvini-Di Maio alla discesa di Attila, il re degli Unni che dove passava non cresceva più nulla. “Prima delle elezioni – scrive ancora il Financial Times – “era saggezza comune nelle altre capitali Ue e sui mercati finanziari che un governo Lega-Cinquestelle sarebbe stato il più inquietante di tutti gli esiti possibili”.

 E continua dicendo: “Ora i barbari non stanno solo attraversando le porte di Roma. Sono proprio dentro alle mura della città. E i due partiti godono di un’indiscutibile legittimità democratica e escludere i vincitori delle elezioni dal potere non è un passo per una democrazia matura”. Critico anche nei confronti dei partiti politici, “che devono solo accusare se stessi dopo vent’anni di stagnazione economica”.
Detto questo, continua l’editoriale, il contratto di governo Salvini-Di Maio “dà molte ragioni di preoccupazione” in quanto “i due partiti sono troppo filo russi”, e “la Lega è a favore di deportazioni su larga scala di migranti illegali”.
 
E sul versante economia i dubbi del Financial Times diventano ancora più consistenti: “Reddito di cittadinanza, flat tax e modifica della legge Fornero sulle pensioni sono iniziative che valgono decine di miliardi di euro, ma per le coperture proposte dai due partiti che si vogliono ‘nuovi’, dalla lotta all’evasione fiscale alla vendita di asset pubblici, colpisce quanto vecchie siano la maggior parte di queste idee, già provate in passato, che non sono state parzialmente efficaci”.
 “Un governo formato da queste due forze, potrebbe scontrarsi con le ‘correnti di pensiero fiscali’ di altri governi Ue e della commissione europee. Queste sono aree – conclude l’articolo – dove l’Unione europea può e deve lavorare in modo costruttivo con il prossimo governo italiano, anche se questo significa assecondare la retorica iconoclasta dei pentastellati e della Lega”.
Un’analisi che demolisce l’asse Salvini-Di Maio, parlando di uno scenario “preoccupante” nel caso che la “presa” di Roma diventasse davvero realtà. Un altro pilastro che cade sulla fragile e ancora incerta intesa giallo-verde.

L’ondata montante dell’antimafia dei riflettori, dei comunicati stampa, lascia il posto alla marea calante della vergogna del ridicolo, dell’imbarazzato silenzio.

È la natura, è il flusso e riflusso dettato, diciamo, dalle fasi lunari. Ecco, la fortuna è lunatica. C’era chi ci faceva biciclette e voleva dare patenti di legalità. Ora, scopriamo che forse (perché bisogna sempre aspettare le sentenze) aveva pure le ruote bucate.

La bicicletta di Montante all'aeroporto di Palermo...con le ruote sgonfie....
La bicicletta di Montante all’aeroporto di Palermo…con le ruote sgonfie….

C’era chi diceva di voler fare le rivoluzioni, ma ha lasciato soltanto macerie politiche, umane, economiche: un buco nero da abolire con una sbianchettata. E va bene. Per quanto ci sforziamo di trovare riferimenti diversi, la Sicilia è sempre la terra di Pirandello, piena di personaggi da commedia che credono di essere eroi di un’epica che non gli appartiene. Achille era Tersite e Patroclo era soltanto un accattone.

Rosario Crocetta
Rosario Crocetta

E’ tutto in alto mare, malgrado in molti diano per chiusa la partita del governo. Tra i punti del contratto che trovano la quadra, il vero scoglio è la scelta del premier e su questo sembra che Luigi Di Maio abbia in serbo una trappola. Sul profilo twitter di Jacopo Jacoboni, giornalista esperto di cinquestelle (ha anche scritto un libro inchiesta sul movimento di Grillo), un post che sicuramente non può passare inosservato.

La strategia di Di Maioscrive Jacoboni – è provare fino alla fine a impallinare tutti i nomi di “premier terzo”, e farlo lui, il premier. E con la trattativa in corso, a quel punto spinta troppo in avanti, la Lega non potrebbe tirarsi indietro”. Ci aveva già provato con la Meloni, come vi abbiamo raccontato qui su Bloggando.

Quindi la partita si sta giocando al buio con tatticismi che rischiano di far implodere tutto. E il più gongolante non potrebbe che essere Silvio Berlusconi forte della riacquistata agibilità politica, se vogliamo usare un altro termine alla riabilitazione, che attende l’attimo propizio per ritornare a “dare carte”.

Intanto oggi alle 16.30 Di Maio salirà al Colle e alle 18 sarà il turno di Salvini. A parte i nomi che si fanno: Giulio Sapelli e Giuseppe Conte, entrambi tecnici, il primo in quota Lega, il secondo vicino ai pentastellati, non vi è alcuna certezza che si possa uscire con un nome condiviso. Se si considera. come ha marcato lo stesso Mattarella“il presidente non è un notaio”.

I rumours dicono che il nome c’è, ma potrebbe essere anche un modo per tentare di prendere ancora tempo, anche se per il Colle il tempo è davvero scaduto. Non dimenticando che costituzionalmente premier e ministri devono passare dal benestare del Capo dello Stato. Prerogativa che è l’unico punto fermo di questa “trattativa”.

 

 

“Tentano di delegittimare i protagonisti dell’Antimafia” –. Diceva l’allora presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante, che rivendicava di essersi “impegnato contro il malaffare” e ricordava come già dal 2013 “i vertici di mafia abbiano messo in atto azioni di delegittimazione”. Era  il 2015 e si difendeva dalle accuse di un’inchiesta che lo vedevano al centro di un giro di corruzione e di rapporti con esponenti della mafia.

E ora l’ex presidente di Sicindustria Antonio Montante, attualmente presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e presidente di Retimpresa Servizi di Confindustria Nazionale, è stato arrestato e poi messo ai domiciliari con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di esponenti delle forze dell’ordine.

Si tratta di indagini condotte dalla squadra mobile e della procura di Caltanissetta con le quali gli viene contestato di aver creato una rete illegale per controllare l’inchiesta che era scattata nei suoi confronti tre anni fa, dopo le dichiarazioni di alcuni pentiti di mafia. Anche altre cinque persone sono finite agli arresti domiciliari e a una sesta è stato notificato un provvedimento di interdizione. Tutti soggetti al servizio di Montante, secondo i sostituti procuratori Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, dall’aggiunto Gabriele Paci e dal procuratore capo Amedeo Bertone.

Ed era proprio il governatore Crocetta che difendeva tre anni fa Montante “dalle notizie che riporta la stampa”, sottolinenando  “l’impegno nella lotta alla mafia”.  Anche Beppe Lumia, ex presidente della Commissione Antimafia, transitato nel 2012 dal Pd alla lista Il Megafono (quella di Crocetta per intenderci) diceva della vicenda: “Salvatore Dario Di Francesco (uno dei pentiti che accusava Montante, ndr) è un ex colletto bianco, un imprenditore che è stato bombardato da Montante ai tempi della rivoluzione in Confindustria. Da quello che emerge, non c’è nulla che riguardi il presente ma il passato, i primi anni del duemila quando appunto la Confindustria di Lo Bello e Montante cominciò il bombardamento su Cosa Nostra”. E aggiunge: “sono molto scettico rispetto a questa inchiesta semplicemente perché Montante l’ho visto in azione”.

E, invece, con l’arresto di oggi, queste difese d’ufficio sono state smentite. Cala il sipario su “un’era”, quella di Antonello Montante, figura controversa tra “presunti” rapporti con la mafia e amicizie politiche.

LE REAZIONI

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “Confidando nel lavoro della Magistratura su questa ed altre vicende che riguardano l’ex presidente di Confindustria Sicilia, non posso che ribadire l’anomalia, da me più volte denunciata in diverse sedi, di un sistema Confindustriale che ha determinato per almeno sei, sette anni le politiche dei precedenti governi della Regione in settori strategici dell’economia e della vita delle nostre comunità.” 

Claudio Fava, deputato regionale #CentoPassi: “E’ scandaloso che l’ex presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante conservi intatte le proprie cariche: presidente della  Camera di commercio di Caltanissetta e presidente di Retimpresa, una consociata di Confindustria nazionale. A lungo protetto dall’ex presidente della Regione Crocetta e dall’ex senatore Lumia, chi consente ancora oggi al signor Montante di ricoprire quegli incarichi, nonostante da due anni sia indagato per reati di mafia? Quale sistema deviato di potere è stato costruito negli anni attorno a questo imprenditore? Quanti altri protettori occulti e palesi, dentro e fuori le istituzioni, hanno protetto la sua carriera? In attesa di una risposta, chiediamo agli organi preposti, nonché al presidente nazionale Confindustria Boccia e al presidente della Regione Musumeci, di adottare i provvedimenti urgenti ed opportuni affinchè Montante venga sollevato immediatamente dalle sue funzioni. Se ad accuse così gravi e circostanziate non segue un atto di autotutela delle istituzioni, rischia di prevalere il senso tragico e ridicolo dell’impunità personale. Nessuno, di fronte al decoro delle istituzioni, può essere considerato per così tanto tempo un intoccabile”. 

Doveva essere un “cambio merce”, un baratto quello che Luigi Di Maio, candidato premier per i cinquestelle ha di fatto proposto a Giorgia Meloni. E postando un video su twitter la leader di Fratelli d’Italia, ha detto: “Di Maio è venuto a chiedere il sostegno alla premiership M5S in cambio dell’ingresso di FDI nel governo M5S-Lega. Di fronte al mio NO ha detto che avrebbe messo il veto su FDI perché troppo di destra. in quello che tutti già chiamano governo giallo-verde non ci sarà il TRICOLORE!“. Ma arriva la smentita di Di Maio che parla solo di “un incontro nel quale abbiamo parlato di tante cose, ma non ho chiesto alcun sostegno”. E la polemica è bella e servita.

 

Questi non sono altro che  dei “Mandrake” della politica. Hanno fatto promesse da far tremare i polsi, voglio vedere come se la caveranno con la flat tax, con la Fornero, con l’immigrazione, con il reddito di cittadinanza e con tutti gli impegni che hanno preso”. Con un post su FB, Davide Faraone, uomo di punta del Pd siciliano e renziano di ferro prende una posizione netta sull’accordo di governo Salvini-Di Maio.

“Il governo che nascerà, sarà un governo lontano anni luce da noi. Si è aperta questa discussione sulla “felicità” del Pd – ricordate la canzone di Albano e Romina? – per la sua scelta di stare all’opposizione che è assurda. Nessuna felicità, chi si candida alle elezioni lo fa per vincere, soprattutto se è stato al governo. Certo, siamo un “partito governo”, ma è cosa assai diversa dall’essere un “partito sempre al governo”. 

E continua la sua analisi critica sul risultato elettorale. “Gli elettori hanno premiato il M5S e la Lega, purtroppo dico io, ma gli elettori questo hanno deciso e quella volontà va rispettata. Perché quando gli italiani ti mandano all’opposizione, devi accettare questo ruolo e svolgerlo con serietà e determinazione. Nel merito ma senza sconti, soprattutto quando pensi che un governo degli irresponsabili possa fare danno all’Italia e agli italiani”.

Intanto dal versante interno della minoranza del partito democratico, interviene Antonio Rubino dei partigianidem: “Mentre Faraone studia mitologia e ara campi, io mi auguro che il 19 maggio il pd imbocchi la strada giusta per tornare ad essere punto di riferimento dei riformisti di questo Paese a cominciare dai tanti elettori che hanno dato fiducia ai grillini e che oggi si ritrovano al governo con Salvini”.

Per quella data, infatti, si svolgerà l’assemblea nazionale del Pd e, con molta probabilità Renzi annuncerà, come ha già fatto a ‘Di martedì’ su La7, la candidatura di Gentiloni a premier, sempre che il governo nascente non serri le fila e chiuda il cerchio, facendo decadere il già improbabile ritorno, a breve, alle urne.

 

 

Poveri, sì. Mafiosi e ignoranti, no. Michaela Biancofiore, la parlamentare bolzanina (ma di origini meridionali) di Forza Italia “sputtanata” per le sue parole a L’Aria che tira, su La 7 (“le elezioni in estate favorirebbero il Movimento 5 stelle, che ha fatto il pieno di voti al Sud, dove sono troppo poveri per andare in vacanza e potrebbero andare alle urne anche col solleone”, il senso delle sue parole), paladina degli italiani del Sud? Sembra di sì e per dimostrarlo, la bionda forzista ha postato un divertente video di uno scontro, in una trasmissione de La 7 condotta da Cristina Parodi, con l’inglese John Peter Sloane che definì gli abitanti di alcune regioni meridionali “meno istruiti” rispetto a quelli del nord. Altri tempi, era il 2012. Quanto era infervorata la Biancofiore nel difendere noi del sud: “Ma come si permette a definire siciliani e lucani mafiosi e ignoranti?” Urlava al perfido britannico famoso per i suoi corsi di inglese e l’accento alla Stanlio e Ollio.

Mafiosi, no. E nemmeno ignoranti. Poveri sì. E mica lo dice lei, la Biancofiore. No, lo dice l’Istat. In un report del 30 ottobre del 2017 sui flussi turistici del 2016. Che, però, tutto dice, tranne che i meridionali non vadano in vacanza perché senza i soldi necessari. Biancofiore pataccara, quindi? No, almeno secondo lei, il pataccaro è il grillino Sibilia che ha diffuso sui social il video della forzista che insiste: “Come abbiamo potuto osservare tutti il 4 marzo, il Movimento ha vinto al Sud piuttosto che al Nord perché ha saputo fare propaganda col reddito di cittadinanza facendo leva proprio sulla povertà e sulla mancanza di lavoro, ingenerando speranza . E’ vero che i residenti, spesso, avendo a loro disposizione luoghi unici e mare caraibico, spendono le vacanze nei luoghi dove vivono tutto l’anno piuttosto che andare altrove ma è altrettanto vero, dati ISTAT alla mano che la povertà al Sud impedisce spesso gli spostamenti turistici . Va da se che è più facile per chi è stanziale e -più probabile , recarsi alle urne rispetto agli italiani residenti al Nord .
Mi preme ricordare a tutti che i miei genitori sono nati in Puglia, per poi emigrare al Nord per motivi di lavoro e per un futuro migliore come migliaia di meridionali. Purtroppo da sempre il Sud riversa in condizioni di povertà rispetto al Nord, motivo per il quale tutte le forze politiche dovrebbero impegnarsi nella ricerca di una soluzione a questo momento di stallo istituzionale”.