“Ma a cosa servirebbero i ‘poteri speciali’ richiesti da Musumeci? Non riusciamo a comprendere, con tutta la buona volontà, il senso di una richiesta stravagante che serve solo ad avviare un lungo e complesso iter per poi mettere nelle mani del Presidente della Regione il controllo delle forze militari e di polizia stanziate nell’Isola”.

E’ il duro attacco del presidente della commissione antimafia, Claudio Fava, al Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, che aveva chiesto l’applicazione delle norme previste dallo Statuto per ottenere i poteri di controllo delle forze militari e di polizia nell’isola nella lotta contro il coronavirus.

“Musumeci – si legge nella nota – lasci ai prefetti e agli altri organi dello stato ruoli e funzioni, e si preoccupi piuttosto di svolgere al meglio i compiti che spettano a lui. Cominciando dallo sblocco dei pagamenti alle imprese che, proprio oggi, lamentano di non avere liquidità per riprendere le proprie attività e pagare tasse e tributi”.

La giunta regionale di Palazzo d’Orleans aveva, infatti, approvato una delibera che prevede “l’attuazione dell’art.31 dello Statuto siciliano, in relazione agli strumenti necessari per affrontare con efficacia e tempestività eventuali situazioni di emergenza statali o limitate al territorio regionale, che determinino refluenze sull’ordine pubblico, la sanità e la sicurezza nel territorio della Regione siciliana o in parte di esso”.

La replica del vicepresidente della regione Armao:

“Il governo della Regione non ha mai invocato poteri speciali, ma propone le norme di attuazione sull’art. 31 dello Statuto. Il resto sono solo sterili polemiche che, peraltro, curiosamente provengono dallo stesso gruppo, il Pd, che non meno di una settimana fa ha sfidato il presidente a emettere ordinanze proprio ai sensi dell’art. 31 dello Statuto siciliano, invocando ‘il controllo dell’ordine pubblico’. Non è il momento di polemiche inutili”.

Avatar
Author