“Una grande opera da 8 miliardi complessivi, un cantiere ferroviario che significa prima di tutto normalità per i siciliani che hanno diritto di spostarsi in modo efficiente, come accade in tutti i Paesi civili”. Queste le prime parole, postate sul suo profilo Facebook, del ministro Danilo Toninelli, oggi in Sicilia, per inaugurare l’inizio dei lavori del raddoppio ferroviario Palermo-Catania.
“Sono venuto qui a Catenanuova, nell’ennese, per il primo colpo di piccone dei lavori che porteranno al raddoppio della linea Palermo-Catania. Nel 2021 vedremo i primi effetti concreti e i primi benefici sul servizio. Nel 2025 l’opera sarà completa. E servirà a collegare meglio le due città più importanti di questa splendida isola, risparmiando praticamente un’ora di viaggio”.
“Un collegamento fondamentale – ha aggiunto il ministro grillino – per i cittadini, le imprese, per il turismo siciliano”.
E conclude il post dicendo che si tratta di “un intervento così importante, unito ai lavori in corso per condurre i binari sin dentro l’aeroporto di Catania, esempio di quella scommessa sull’intermodalità che abbiamo fatto e che vogliamo portare fino in fondo”.

Ovviamente ci auguriamo, senza voler fare i “menagrami”, che l’iter dei lavori proceda velocemente e, soprattutto, che nel 2025 l’opera possa vedere la luce al di là delle passerelle che, sebbene in buona fede, a due mesi dalle elezioni europee pongono sempre qualche dubbio amletico.

Avatar
Author